Prenota ora

Ravenna e dintorni:
Cosa vedere?

8 buoni motivi per scegliere Ravenna e il Galletti Abbiosi

La struttura rappresenta il punto di partenza ideale per ammirare gli splendidi mosaici di Ravenna e visitare i luoghi dove questi hanno trovato la loro massima espressione, attraverso un percorso che leghi indissolubilmente Arte e Fede.

Ravenna Città dell’UNESCO, le Sue bellezze e i dintorni da scoprire:

1. A Ravenna si trovano mosaici bizantini unici al mondo e 8 monumenti parte del patrimonio dell’Unesco: Basilica di San Vitale, Mausoleo di Galla Placidia, Sant’Apollinare Nuovo, Battistero Neoniano, Battistero degli Ariani, Cappella Arcivescovile, Mausoleo di Teodorico e Sant’Apollinare in Classe.

2. Il Sommo Poeta Dante Alighieri trovò nella città la sede ideale per portare a termine la Divina Commedia. Dante diviene subito oggetto di una devozione che alla sua morte si trasforma in vero e proprio culto: tutt’oggi la città rievoca la memoria del Sommo Poeta celebrandolo con il programma “Settembre Dantesco” e ne custodisce cimeli all’interno del Museo Dantesco. Assieme alla Tomba di Dante, al Quadrarco di Braccioforte e alla Basilica di San Francesco, il museo fa parte della "Zona del Silenzio", l’area che racchiude i luoghi danteschi di Ravenna.

3. Eventi di ogni genere si alternano durante tutto l’arco dell’anno: oltre al programma culturale “Settembre Dantesco”, il secondo weekend di novembre si svolge l’evento sportivo internazionale della Maratona e ogni due anni si tiene la fiera più attesa dal mondo dell’Offshore: l’OMC Conference & Exhibitions. Il celebre Ravenna Festival è l’evento più atteso dai cittadini Ravennati e dai turisti: performances che vanno dalla musica sinfonica a quella da camera, dal jazz al musical, dall’opera al teatro, con artisti di fama nazionale ed internazionale, nei luoghi più suggestivi della città. Un vero e proprio inno alla musica nelle sue forme più pure.

4. Ravenna è città di antica tradizione culinaria. Tra le specialità più annoverate ricordiamo la pasta “fatta in casa” (tagliatelle, lasagne, passatelli dal profumo di parmigiano e noce moscata, cappelletti con uno squisito ripieno al formaggio al ragù o annegati in brodo), carni di maiale e pesci dell’Adriatico cotti alla griglia su brace di legno e la regina indiscussa della tavola romagnola: la piadina, servita come accompagnamento ai secondi o come antipasto con salumi e formaggi morbidi come lo Squacquerone di Romagna. A tutti questi piatti si abbinano gli eccellenti vini locali (Sangiovese, Trebbiano, Pagadèbit) e i vini amabili come l’Albana o la Cagnina, nei quali inzuppare dolci come biscotti secchi “Scroccadenti”, ciambelle o tortelli ripieni di marmellata.

5. La vicinanza alla spiaggia fa di Ravenna una soluzione ideale per chi desidera unire i benefici di una vacanza balneare alla bellezza della città d’arte. La costa, affacciata sul Mar Adriatico, è caratterizzata da fondali bassi e spiagge di sabbia dorata fine. Lungo i 35 km di spiaggia, nelle nove località balneari (da sud a nord: Lido di savio, Lido di Classe, Lido di Dante, Lido Adriano, Punta Marina Terme, Marina di Ravenna, Porto Corsini, Marina Romea e Casal Borsetti) sorgono stabilimenti balneari attrezzati dove praticare sport, degustare la buona cucina romagnola, divertirsi e rilassarsi.

6. Per il divertimento di grandi e piccini sorgono parchi tematici in tutta la riviera: Mirabilandia e Mirabeach, Italia in Miniatura, Acquafan, Oltremare e lo zoo Safari; si raggiungono comodamente da Ravenna con l’auto o con i mezzi pubblici.

7. Ravenna offre un’estrema varietà di paesaggi in cui vivere appieno la natura. La bellissima pineta di San Vitale e la secolare pineta di Classe sono luoghi ideali dove passeggiare o pedalare in piena natura, anche durante le occasioni dove si celebrano i prodotti tipici, come la Sagra del Tartufo, la Sagra del Pinolo e il Festival Naturae. Le aree umide, testimonianze delle antiche paludi che circondavano la città, sono oggi oasi e zone protette del Parco del Delta del Po; tra esse si ricordano l’Oasi di Punte Alberete, la Valle della Canna, la Penisola di Boscoforte, la zona dell’Ortazzo e la Foce del Bevano. In queste aree si possono effettuare visite guidate, escursioni in bicicletta e praticare birdwatching.

8. Infine Ravenna costituisce il punto di partenza per visitare le città e i borghi vicini: le piccole città balneari di Cesenatico e Cervia, i borghi medievali di Brisighella o San Leo, Comacchio e le sue valli, le città d’arte vicine come Ferrara e Cesena e la Repubblica indipendente di San Marino.